Forum di discussione su problematiche inerenti disagi psichici.
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 tutto ciò che ho da dire

Andare in basso 
AutoreMessaggio
nina



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 15.03.10
Età : 28
Località : napoli

MessaggioTitolo: tutto ciò che ho da dire   Lun Mar 15, 2010 8:33 pm

Mi piacerebbe non esserci, non esistere per nessuno, ma tanto in parte è già così e non cambia niente.
Mi chiedo come sia possibile che a vent anni non si abbia più molta voglia di vivere? Come è possibile che non esista una sola cosa che mi faccia stare bene... Sto provando a scrivere una sorta di diario di ricordi e tutto ciò che ne viene fuori è dolore dolore dolore...Da piccola non avrei mai pensato di diventare ciò che sono oggi, mi guardo e mi sento delusa...
Sto provando invidia per chi ha una vita migliore della mia...Non ho mai avuto un papà, i miei si sono separati qualche mese prima che io nascessi, non l'ho mai conosciuto fino ai miei 5 anni poi verso i 10 anni ho perso nuovamente i suoi contatti fino a capire che lui di me non se ne fregava niente, adesso a 20 anni non lo vedo nè lo sento. Da piccola io e mia madre vivevamo con i miei nonni e questo è stato sia un bene che un male, un bene perchè mio nonno era fantastico con me, è stata l'unica xsona che mi ha trattata da bambina facendomi crescere piano piano regalandomi solo tanto amore e pochi dispiaceri, è stato tuttavia un male perchè mia nonna soffriva di depressione così a intervalli di qualche giorno si sedeva sul davanzale della finestra e minacciava di gettarsi di sotto, avevo non più di 6 anni da quando ho iniziato a convincerla a non farlo, ma in realtà crescendo cercavo di convincere me stessa che scendere dal davanzale fosse la scelta giusta.
La mia vita è peggiorata ancora di più quando improvvisamente mio nonno mi è morto tra le braccia, da qul momento mi sono sentita smarrita, mia madre non è mai stata una donna forte così io non giocavo il ruolo di figlia ma bensì quello di madre, più crescevo e più mi mancava mio nonno, quell'unica persona che mi avrebbe capita.
Non cambiava mai niente ed io avevo sempre più bisogno di affetto, di una figura maschile che rappresentasse amore protezione, sono arrivata all età dell'adolescenza con questo desiderio talmente forte che non mi rendeva possibile distinguere un uomo da uno stronzo, sono andata a letto con 4 persone e nessuno di queste mi amava, mi illudevo che loro potessero darmi affetto potessero appagare il mio desiderio di un papà un amico un uomo, ma in realtà non ho fatto altro che sprofondare ancora di più nel baratro.
Quando ho avuto questi rapporti sessuali il mio corpo non ne aveva voglia, ho quasi sempre sofferto senza provare piacere.
Adesso ho una storia con un uomo a cui ho raccontato tutto questo, un uomo che mi ama ma che purtroppo non mi capisce mi giudica per il mio passato sopratutto in ambito sessuale, e anche se si sforza di superare questo problema sò che non ci riuscirà mai.
Mi sento in trappola vorrei fuggire da me stessa non ho amici e non riesco a trovare la felicità. non so come fare, mi sento completamente disperata vorrei raccogliere i cocci dispersi della mia vita per riassemblarli ma non ne ho la forza, ho l'impressione di morire, o forse è solo voglia di morire, chissà!?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
D.ssa Michela Guariniello
Admin
avatar

Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioTitolo: Re: tutto ciò che ho da dire   Mar Mar 16, 2010 10:23 am

Cara Nina,
innanzitutto BENEVENUTA tra noi.
Grazie di aver condiviso con noi la tua storia.

Inutile dire che dalle tue parole emerge tanta tanta tanta sofferenza, ma sai non sento la "voglia di morire", anzi sento tanta fame di vita, tanta voglia di rimettere a posto i cocci ed incominciare a vivere in modo più autentico e leggero.

" Mi chiedo come sia possibile che a vent anni non si abbia più molta voglia di vivere? " è possibile se non si vede via d'uscita, ma la via d'uscita c'è sempre, e non solo una ma tante, bisogna tentarle tutte. tutte.

"Adesso ho una storia con un uomo a cui ho raccontato tutto questo, un uomo che mi ama ma che purtroppo non mi capisce mi giudica per il mio passato sopratutto in ambito sessuale, e anche se si sforza di superare questo problema sò che non ci riuscirà mai."" A mio avviso cara Nina, dovresti innanzitutto smettere di giudicarti TU per il tuo passato sessuale e non. Hai elencato benissimo le motivazioni che ti hanno spinta a certe situazioni, mi sembrano motivazioni più che valide, e credimi non hai fatto nulla di meno o di più di ciò che le altre persone fanno, ma in te interviene il TUO giudizio negativo, il TUO senso di colpa che te la vedere come chissà che peccato capitale...Nella vita dobbiamo fare esperienze, dobbiamo fare anche errori per capire cosa desideriamo davvero, per individuare la nostra strada e cosa ci possa far star bene, e MAI rinnegare le nostre esperienze seppur ci possano sembrare sbagliate, perchè erano quello di cui avevamo bisogno in quel momento.
Ti chiedo, ora sai cosa desideri davvero in campo sentimentale?

"Mi sento in trappola vorrei fuggire da me stessa" , fuggire da te stessa? Il trasloco da noi stessi è l'unico trasloco che non possiamo fare..Piuttosto che fuggire potresti iniziare a fare un viaggio dentro di te, che al contrario del trasloco è l'unico viaggio da cui non dobbiamo mai rientrare... Si è difficile, ora ti sembra di non avere la forza ma la forza ce l'hai altrimenti non saresti qui a chiedere aiuto...A mio avviso è arrivato il momento d fare amicizia prima che con gli altri, con te stessa e con il tuo passato, allearti con te stessa ed incominciare davvero a vivere, tenendo a mente che tu meriti amore prima da te stessa e poi dagli altri, e che devi ringraziare il tuo passato seppur doloroso perchè ti ha resa ciò che sei oggi.

Un abbraccio forte forte

Un abbraccio forte
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.psicologicampania.it
sergio67

avatar

Messaggi : 292
Data d'iscrizione : 27.10.09
Età : 51

MessaggioTitolo: Re: tutto ciò che ho da dire   Mar Mar 16, 2010 10:50 am

Ciao Nina,

le tue parole mi riportano alla mente un paio delle mie frasi "preferite".

"A volte morire ti sembra l'unico modo per capire che sei vivo". Sì, ha ragione la Dottoressa, dalla tua sofferenza emerge forte il tuo desiderio di iniziare finalmente a vivere. Ma non serve morire. Quello che serve è cominciare a "raccogliere i pezzi della tua vita", anche se ancora non sai come fare. Ti sembrano troppi e forse pensi che non ce la farai mai. Ma non è così.
Forse desidereresti poterlo fare in un colpo solo, come un gigantesco colpo di spugna, ma anche questo non è così. E forse pensi che potrai stare bene solo dopo che li avrai raccolti tutti, ma ancora una volta non è così.
Ci vorrà tempo, tempo pazienza e impegno. Sì, il tuo impegno. Lo stesso che hai messo nel trovare questo forum e nello scrivere delle tue difficoltà. Non è un impegno sovrumano, è uno "sforzo gentile". Un piccolo sforzo ogni giorno della tua vita, raccogliendo un pezzetto per volta. Ma la meraviglia è che ogni pezzo che raccoglierai ti farà stare meglio. La felicità non si trova solo alla fine del viaggio, ma si raccoglie lungo la strada.

Non invidiare la vita degli altri. La vita non è giusta e questo è un fatto. Questo è quello che la vita ti ha dato. Sta a te decidere come viverlo. Non c'è bisogno di essere altri da se stessi per essere felici. Perdonati. Perdonati per essere quello che sei. Perdonati per aver commesso degli sbagli, e inizia il tuo cammino verso una vita felice. La vita ti ha messo in una situazione difficile e forse non avevi altre strade che quelle che hai percorso, ma non ti ha tolto la possibilità di essere felice. Nessuno te la potrà mai togliere. Dipende solo da te.

Quanto a fuggire da se stessi. Beh, su questo sono un maestro Smile. Ma purtroppo o perfortuna tu sei l'unica cosa da cui non potrai mai fuggire. Ma puoi scegliere. Puoi scegliere se sentirti colpevole perche ALTRI non accettano il tuo passato o capire che il tuo passato ti appartiene e se gli altri non lo accettano dipende DA LORO e non da te.

Un abbraccio
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
nina



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 15.03.10
Età : 28
Località : napoli

MessaggioTitolo: grazie   Mer Mar 17, 2010 9:39 am

grazie di cuore delle risposte, mi aiutano a non sentirmi sola, a sperare, perchè forse è questo che per un pò mi è mancata: la speranza.
Beh che dire... proverò a capire di più me stessa cercherò di affrontarmi, coccolarmi e non più condannarmi, forse è questo che devo imparare...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: tutto ciò che ho da dire   

Torna in alto Andare in basso
 
tutto ciò che ho da dire
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Ciao a tutti da Resdiano!!
» topper a tutto gas
» Ste Creazioni - Di tutto un pò

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Psicologi Campania :: L'ANGOLO DELLO SFOGO :: L'ANGOLO DELLO SFOGO-
Vai verso: